reset elettrico orologio, cicalino cinghie sicurezza

fonzinieto

TCI Junior Member
Registrato
20 Novembre 2011
Messaggi
8
Piaciuto
0
Località
pietral
Creatore Discussione #1
Ciao a tutti,
ho una avensis sw del 2004 4d4, da qualche giorno ho terminato il lavoro di rivestimento del cielo con un nuovo tessuto, quello originale si era scollato.
Tutto bene e tutta la parte elettrica funzionante. Ieri mentre cercavo di rimontare la plastica copri lampadine della plafoniera centrale anteriore , per fare spazio alle linguette del copri lampadine ho cercato di fare spazio con un piccolo cacciavite in corrispondenza di dove si posizionano le linguette. Dopo avere fatto questa operazione ogni volta che accendo la macchina l'orologio è sulle 12:00, mentre il cicalino delle cinture che avevo disattivato è tornato a suonare, le luci della plafoniera anteriore non funzionano, le luci della plafoniera posteriore non funzionano. Per il resto nessun problema elettrico che possa aver notato. Il mio sospetto è che con il cacciavite piccolino abbia interrotto un filo o messo in corto qualcosa che provoca reset dell'orologio, cicalino per lo meno di tutto le parti che devono rimanere attive quando si spegne la macchina e il quadro è spento.
Qualcuno sa se c'è un fusibile che agisce su questa linea corrente che deve funzionare a macchina e quadro spento?
Avete dei suggerimenti da darmi per risolvere?

Ps: ieri ho cercando di smontare la plafoniera anteriore che ha due viti a stella che non ne vogliono sapere di svitarsi. Probabile che con il calore del tetto plastica e viti si siano incollate ben bene e anche questo e un piccolo problema che devo risolvere, ma prima devo capire se c'è linea o fusibile per quanto detto sopra)
Grazie
Buona giornata
 

fonzinieto

TCI Junior Member
Registrato
20 Novembre 2011
Messaggi
8
Piaciuto
0
Località
pietral
Creatore Discussione #2
Risolto,
nessun cavo interrotto, era il fusibile 56 da 7.5 interrotto. Il fusibile si trova sotto il volante nella scatola 2 dei fusibili.
Corrisponde alla descrizione DOME.
Saluti a tutti
Roberto
 
Alto